breaking news

MotoGP: tutti i debutti eccellenti di Valencia

7 novembre 2016 | by Marco Pezzoni
MotoGP: tutti i debutti eccellenti di Valencia
HISTORY

La MotoGP torna sul tracciato Ricardo Tormo di Valencia. Gara che offrirà spunti interessanti in ottica 2017 tra addii, ritorni e debutti eccellenti

Un’altra stagione del Motomondiale sta per terminare. Stagione statisticamente da ricordare con ben 9 vincitori diversi nella seconda parte del campionato a dispetto di un’annata vissuta all’insegna del nuovo Marc Marquez dominatore dall’inizio alla fine e capace di vincere gare importanti e mettere fieno in cascina quando serviva.

L’ultima gara della stagione, che non ha più molto da dire a livello di campionato se non chi finirà sul terzo gradino del podio tra Jorge Lorenzo e Maverick Vinales, sarà il teatro di tanti addii. Lo stesso Lorenzo saluterà la Yamaha, Vinales ed Aleix Espargarò la Suzuki, Iannone la Ducati. Ci sarà poi chi lascerà la MotoGP, come Stefan Bradl e Eugene Laverty, pronti a passare in SBK. Ed ovviamente c’è il debutto eccellente di KTM, che già si era mostrata al pubblico in occasione del GP d’Austria di metà agosto, ma che a Valencia correrà con Mika Kallio.

Detto appunto di KTM che debutterà proprio nell’ultima gara di Valencia come fece Suzuki a fine 2014 per il suo ritorno in MotoGP dopo qualche anno, andiamo a ripercorrere i debutti eccellenti e non all’ultima gara del campionato MotoGP o nei test post gara.

Ducati Desmosedici 2002

Dopo anni di scorpacciate di titoli in Sbk, a Borgo Panigale nasce il progetto destinato a cambiare per sempre il volto della MotoGP. Nel 2001 Ducati annuncia l’intenzione di entrare in MotoGP e nel 2002 presenta il primo motore per la nuova moto, nuova moto che verrà presentata al pubblico in occasione del GP d’Italia al Mugello. La prima Desmosedici esordirà nei test post gara di Valencia con alla guida Troy Bayliss e Vittoriano Guareschi. Il resto è storia recente con la prima vittoria datata Barcellona 2003 ed il primo ed unico titolo in MotoGP datato 2007 grazie a Casey Stoner.

desmosedici-gp

Ilmor X3 800 2006

Nel 2006 fa il suo debutto, prima all’Estoril e poi a Valencia, la Ilmor X3, una moto con telaio Suter ed il motore nato dalla collaborazione tra Mario Illien e la Ilmor Engineering, pezzo di storia della Formula 1 per quanto riguarda i motori. Il motore di questa moto era un V4 di 800 cm3 (da qui la sigla X3) con una V di 75° ed una potenza di 210 cv a 18000 giri. Il debutto ufficiale della moto avvenne all’Estoril con il grande Garry McCoy alla guida di quello che doveva essere un prototipo in vista della stagione 2007, stagione nella quale le MotoGP scenderanno da 990 cm3 ad 800 cm3.

La gara in Portogallo vede McCoy partire in ultima posizione e terminare rocambolescamente al 15° ed ultimo posto con 4 giri di ritardo (15 al traguardo e 5 ritirati su 20 partenti) grazie anche ad alcuni ritiri eccellenti (Hayden e Pedrosa su tutti). Due settimane più tardi, a Valencia, il team si ripresenta in pista per verificare la competitività del progetto. Le qualifiche sono ancora una volta disastrose con McCoy 20° su 20 piloti ma la gara riserva ancora tante sorprese. 5 ritiri in gara e McCoy si ritrova 15° ed ultimo a 7 giri dal vincitore Troy Bayliss. Per la Ilmor X3 sono i primi ed unici punti della storia e la soddisfazione di essere stata la prima MotoGP 800 ad andare a punti. Gioia che durerà poco perché nel 2007 il team si ritirerà per problemi finanziari ma lo sviluppo del motore continuerà.

ilmorx3-001

Suzuki GSX-RR 2014

Suzuki ha sempre fatto parte del Motomondiale fino alla fine del 2011, quando decide di uscire di scena. A metà 2013 il grande ripensamento. Suzuki tornerà in MotoGP nel 2015 in una veste tutta nuova: team capitanato da Davide Brivio e moto affidate ad Aleix Espargarò e Maverick Vinales. Dopo il comunicato ufficiale iniziano i test per sviluppare la nuova arma della casa di Hamamatsu, la GSX-RR. Affidata a Randy De Puniet e Nobuatsu Aoki, la moto partecipa a tutti i test ufficiali delle squadre MotoGP impegnate nel mondiale 2014. Ad Eicma 2014 Suzuki svela al mondo il prototipo che prenderà parte all’ultima gara della stagione 2014, a Valencia. Sul circuito Ricardo Tormo è presente il solo Randy de Puniet a portare in pista la GSX-RR. In qualifica parte dalla 20^ posizione mentre in gara è costretto al ritiro dopo 12 giri. Il resto è storia recente con la vittoria a Silverstone di Maverick Vinales ed i podi conquistati dallo spagnolo in questa stagione.

@SUZUKI-RACING

@SUZUKI-RACING

Cosa possiamo aspettarci da KTM? Sicuramente un percorso simile a quello intrapreso da Suzuki contando sul fatto di avere a disposizione le concessioni garantite alle new entry del mondiale, due piloti esperti come Pol Espargarò e Bradley Smith e tanti soldi a disposizione grazie a Red Bull per lo sviluppo della moto. Sicuramente sarà una stagione di apprendistato ma i mezzi a disposizione sono tanti per poter stare spesso in zona punti e dal 2018 lottare stabilmente per la top 10.

Marco Pezzoni

Marco Pezzoni

Giornalista sportivo in divenire, amante del motociclismo e in particolare della Superbike, cresciuto con i miti di Haga, Bayliss, Fogarty e Edwards. Radiocronista e conduttore radiofonico per Livegp.it. Mi piace stare a contatto con piloti e addetti ai lavori.

One Comment

Commentando accetti la nostra Privacy policy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *